Infiorata a Monasterace

infiorata_2011

La festa del Corpus Domini è una delle principali solennità dell’anno liturgico e viene celebrata la seconda domenica dopo la Pentecoste.

La Pro Loco “Il Tempio” di Monasterace è lieta di comunicare che Domenica 02 Giugno 2013 si svolgerà la VIII edizione dell’Infiorata del Corpus Domini.

Per mantenere viva l’antica tradizione di infiorare alcuni tratti di strada per onorare la processione del Corpus Domini, la ns. Pro Loco ha organizzato da alcuni anni l’Infiorata con quadri floreali in prevalenza a sfondo sacro. Un evento sempre più bello ed emozionante che Vi invitiamo a visionare su YouTube “Infiorata Monasterace”.

I lavori inizieranno nel pomeriggio di venerdì 31 Maggio e si inizierà ad infiorare dalle ore 21,00 per tutta la notte in via Caduti Senza Croce ( 10 quadri floreali della dimensione di m. 3×5 uniti da intermezzi e disposti su due corsie di strada per una lunghezza di m. 80, più altri due tappeti di misura superiore posti alle due estremità, uno dei quali, posto davanti all’altare allestito dalla Pro Loco, misura ben 35 mq.);  proseguiranno poi sabato sera in via Giorgio Papaleo, una piccola stradina che mantiene da sempre questa tradizione (tappeto lungo m. 25 ) e davanti alla chiesa S. Giuseppe Lavoratore, da dove uscirà in processione il Santissimo Sacramento (m. 4 x 4,50 ) per un totale complessivo di circa 300 mq. , sotto la direzione della Pro Loco che, da autodidatta, utilizza la tecnica dei fiori freschi interi forniti dalle aziende florovivaiste del territorio, sperimentando anche una tecnica mista di fiori, riso e cereali e contornando i tappeti con strisce di prato verde. Spontaneamente saranno allestiti altarini e altri tappeti lungo il percorso della processione,mantenendo la tradizione delle coperte più belle stese ai balconi per onorare il passaggio del Santissimo. L’evento è pertanto inserito in un contesto che esalta le attività produttive di fiori di cui gode il ns. territorio.  Anche in questa edizione i quadri floreali saranno numerosi e con disegni sempre diversi ed originali. Migliaia di fiori accenderanno di colori il piccolo paese della costa Jonica. Rispetto ai primi anni la ns. infiorata si sta ingrandendo sempre di più sia per capacità di preparazione, sia per la qualità delle opere floreali realizzate per cui, si chiede di voler riprendere l’evento per  affermare  quanto di bello si riesca a fare in questo piccolo paese, senza risorse alcune, ma solo ed unicamente con una grande forza di volontà e con la voglia di riscatto dal brutto marchio piovuto addosso all’intera comunità mortificata e criminalizzata da una cattiva propaganda mediatica che hanno dato una immagine negativa della cittadina. E’ questo un modo per far conoscere anche un altro aspetto del ns. vivere civile lanciando un messaggio di pace attraverso i fiori e le meravigliose opere artistiche realizzate da comuni cittadini con passione, fede e grande impegno.

La tradizione vuole che, si infiorino alcuni tratti di strada e anticamente era abitudine e uso comune abbellire le strade utilizzate per il passaggio della processione religiosa del Corpus Domini con una vera e propria pioggia di petali che venivano lanciati sulle strade dai balconi o dai fanciulli al passaggio del Santissimo. Successivamente si è iniziato a decorare le strade con disegni e forme semplici, usando materiali naturali come foglie o petali, per arrivare ad allestire tappeti floreali dagli splendidi colori.

La Pro Loco “Il Tempio” di Monasterace, sensibile alle antiche tradizioni e decisa a mantenerle vive, organizza da alcuni anni, in occasione della celebrazione del Corpus Domini, l’Infiorata. La prima infiorata a Monasterace risale al lontano anno 2000 con la raffigurazione del simbolo del Giubileo con le cinque colombe incrociate al centro di un Globo (Mondo) su cui dominava la croce. Le 5 colombe  rappresentavano i 5 continenti (Europa, Africa, Asia, Oceania e America) e quindi la pace tra tutti i popoli del mondo. Quella prima edizione si è svolta in piazza Porto Salvo, era il 4 giugno del 2000.  L’edizione 2009  si è svolta invece in due vie di Monasterace Marina (vicolo G. Papaleo e via Caduti Senza Croce), mentre lo scorso anno i tappeti  si snodavano lungo diverse vie e davanti ai tanti altarini amorevolmente allestiti dai fedeli.

I disegni, che di anno in anno si rinnovano cercando sempre nuove idee al fine di rendere sempre più bello e prezioso il tappeto floreale, richiedono un tempo di realizzazione piuttosto lungo e sono prevalentemente a sfondo sacro. Prendono forma con i colori dei petali, dei fiori e delle foglie  come se si componesse un mosaico o si dipingesse un quadro, utilizzando tutti i colori disponibili. E’ consuetudine, qualche giorno prima dell’infiorata, raccogliere nei campi e nei giardini foglie e fiori di vari colori, anche se in prevalenza vengono forniti dalle aziende florovivaiste del settore, dimostrando grande sensibilità.

Per i Crisantemi troviamo la collaborazione di numerose aziende locali, specializzate in floricoltura.

L’evento è pertanto inserito in un contesto che esalta le attività produttive di fiori di cui gode il nostro territorio.

La vasta gamma delle varietà di questi fiori dai molteplici colori consente agli infioratori di personalizzare il proprio quadro. Per il verde non ci sono limitazioni: la natura ci offre questo colore in tutte le sue sfumature.

Alla raccolta  segue lo “speluccamento” ossia il distacco dei petali dei fiori oppure la separazione del fiore dal gambo e relativa suddivisione dei colori da parte di un folto gruppo di volontari.  Segue poi la messa in opera contornando i disegni con una pasta fatta con  residuo di caffè (la cosiddetta “posa”) pazientemente raccolta dai bar e poi mescolata con colla liquida per renderla morbida. Il composto ottenuto viene inserito in una capiente tasca da pasticceria e utilizzato per contornare i disegni che si riempiranno di colori, trasformando    Monasterace in un piccolo centro degno di essere visitato e che, per la sua realtà floricola, meriterebbe il titolo di “Città dei fiori”.

Il sogno della Pro Loco “Il Tempio” sarebbe poter entrare a far parte della rassegna intitolata “Le città dell’infiorata”, costituendo un gemellaggio artistico con i Maestri Infioratori di città italiane che vantano la tradizione dell’infiorata con la tecnica del fiore fresco a petalo intero.

La manifestazione ha un profondo significato religioso ma diventa anche una manifestazione culturale e messaggio di amore per i fiori, l’arte, le cose belle e soprattutto messaggio di amicizia e di pace.

Testi tratti dalle notizie ricevute dalla Pro Loco “Il Tempio” di Monasterace, nella persona della Presidente Francesca Diano che ringraziamo augurando buon lavoro.